300 MW. Aspettando l’effetto Spagna in un mercato in continua esplosione

Da 6.364 impianti in esercizio al 9 gennaio 2008 si è saliti in un anno a 24.367, per una nuova potenza installata pari a 236 MW (erano stati 50,9 nel 2007). Bastano queste poche cifre per dire che anno sia stato il 2008 per il fotovoltaico italiano. Inoltre nei giorni scorsi la potenza totale installata ha superato quota 300 MW. Sembrano numeri enormi, che diventano però immediatamente ridicoli se paragonati alle cifre della Spagna. Il mercato iberico è cresciuto di oltre 2.660 MW nel solo 2008 (+300% rispetto al 2007 e si tratta di cifre ancora provvisorie), complice la rincorsa agli incentivi prima che con la nuova legislazione la potenza annuale installabile venisse limitata a “soli” 500 MW e la tariffa incentivante decurtata del 30%. La decrescita della domanda spagnola di pannelli creerà probabilmente una sovrapproduzione a livello mondiale, che potrebbe rivelarsi una notizia positiva per i consumatori, compresi quelli italiani. Secondo Solarplaza.com, i prezzi lungo tutta la catena dell’offerta del fotovoltaico dovrebbero calare del 20-40%, ampiamente in grado di recuperare la diminuzione del 2% della tariffa incentivante italiana, in vigore da 1° gennaio 2009.

(redazione AESS)

L’andamento del parco fotovoltaico in Italia (dati al 31/1/09)
http://www.gse.it/attivit%C3%A0/ContoEnergiaF/PubblInf/RisultatiIncentivazione/Documents/Grafici_della_numerosit%C3%A0_e_della_potenza_totale_cumulata.pdf