Conto energia

E’ il sistema nazionale di incentivazione degli impianti fotovoltaici attualmente in vigore in Italia. Prevede che per tutta l’energia elettrica prodotta da un impianto nel corso dei primi 20 anni venga erogata al proprietario una tariffa molto interessante, differenziata a seconda della potenza dell’impianto e della sua tipologia architettonica, che viene classificata come “integrata”, “parzialmente integrata” o non integrata”.

In aggiunta alla tariffa incentivante al proprietario viene rimborsato, a prezzo di mercato, il valore dell’ energia annualmente immessa in rete dal proprio impianto, fino al raggiungimento della parità con quanto consumato (cd Scambio sul posto, opzione di cui è possibile avvalersi per impianti fino a 200 kW di potenza). In alternativa è possibile vendere l’energia riversata in rete ma questa scelta è meno conveniente per piccoli impianti domestici ed è soggetta a prelievo fiscale.
L’ente erogatore della tariffa incentivante si chiama Gestore dei Servizi Elettrici (GSE) ed è un ente statale di proprietà del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Per poter usufruire del conto energia è necessario che l’impianto sia connesso alla rete elettrica nazionale.


Ulteriori dettagli sul sistema “Conto energia” sono disponibili alla sezione Info al cittadino –> Installare i pannelli fotovoltaici

Guida al conto energia
E’ la guida dettagliata al “Conto energia” prodotta dal GSE

Guida all’integrazione architettonica
E’ la guida dettagliata alla classificazione architettonica degli impianti, con foto ed esempi, prodotta dal GSE