Contributi all’uso delle biomasse per produzioni energetiche a “filiera corta”

E’ attesa a giorni la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale dell’Emilia Romagna del bando per la concessione di aiuti a imprese agricole, singole o associate, che intendano realizzare impianti per la produzione di energia elettrica e/o termica con l’utilizzo di biomasse di origine forestale e agricola. Le domande andranno presentate entro 60 giorni, a disposizione ci sono 1,5 milioni di euro.

Il bando regionale punta a sostenere lo sviluppo di esperienze pilota di filiere energetiche “corte”, cioè con imprese agricole che contemporaneamente svolgono la funzione di produttrici della materia prima da trasformare, che ne gestiscono la trasformazione in energia e che poi vendono l’energia in tale modo prodotta.

“Stiamo cercando di porre le basi per il decollo della filiera agroenergetica in Emilia-Romagna e nel prossimo Piano regionale di sviluppo rurale 2007-2013 destineremo significative risorse proprio per questo settore” ha spiegato l’assessore regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni

Gli impianti di produzione energetica realizzati grazie agli aiuti erogati non dovranno superare 1,5 MW di potenza elettrica installata, in analogia a quanto è già stato realizzato in diversi altri paesi europei.

I contributi riguarderanno l’intera filiera e potranno interessare la fase di impianto, la fase di consegna dell’energia o anche la gestione dei residui di processo e saranno pari al 35% (aumentabile al 40% nelle aree di montagna o svantaggiate) della spesa massima ammissibile fissata in 0,5 milioni di euro per le aziende singole e in 1,5 milioni di euro per quelle associate.

(fonte: Ermesambiente)

Il Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna

http://burer.regione.emilia-romagna.it/BUR/servlet/AdapterHTTP?ACTION_NAME=INDEX_ACTION