Eolico offshore dalle parole ai fatti: inaugura Alpha Ventus in Germania, lavori in corso in UK. EWEA: il vento alleggerisce anche le bollette

E’ stato inaugurato lo scorso 27 aprile il più grande parco eolico offshore tedesco, situato 45 km a nord dell’isola di Borkum e formato da dodici torri da 5 MW ciascuna. Nel 2008 i tecnici avevano dovuto interrompere ripetutamente la sua costruzione a causa delle onde e del forte vento. Il rincaro del prezzo dell’acciaio ha inoltre fatto salire i costi dell’infrastruttura a 250 milioni di euro, rispetto ai 190 milioni previsti. Il governo tedesco ha già autorizzato la costruzione di altri 24 parchi off-shore per un totale di 1.650 torri, 21 nel mare del Nord e tre nel Baltico.

Nel frattempo i parchi eolici offshore del Regno Unito hanno superato la soglia dei mille MW di potenza installata grazie all’entrata in funzione in aprile degli impianti di Robin Rigg e di Gunfleet Sands. Secondo l’associazione Renewable UK «nei primi tre mesi del 2010 gli investimenti privati dell’eolico off-shore hanno raggiunto i 500 milioni di sterline (circa 575 milioni di euro)». I progetti off-shore presentati ammontano a una potenza complessiva di circa 40 mila MW, di cui 4 mila in costruzione o già approvati. «Stiamo ponendo le condizioni per sfruttare al massimo il potenziale delle nostre risorse eoliche, in modo da creare migliaia di posti di lavoro e produrre energia pulita e affidabile con i nostri mezzi», ha affermato Ed Miliband, ministro britannico dell’Energia e ambiente.

Contro i parchi eolici off-shore si schiera però una parte del mondo ambientalista, che li ritiene un pericolo per gli uccelli migratori, soprattutto di notte, mentre sott’acqua gli ancoraggi minaccerebbero i cetacei.

EWEA, l’organizzazione dell’industria europea del settore, ha invece recentemente presentato un report che riassume diversi studi scientifici sulla capacità dell’eolico di trascinare al ribasso il prezzo a cui viene scambiata l’elettricità e sui relativi benefici per i consumatori

(fonte: Corriere della Sera)

Alpha-ventus (in inglese)
Il comunicato di Renewable UK in merito all’off-shore britannico
(in inglese)
Il rapporto EWEA “Wind Energy and Electricity Prices”
(in inglese)