FIPREC

FIPREC – Financing Instruments, by Potential and Requirements of Energy saving Contracting

Il Pacchetto "Energia e Clima" è il novo strumento legislativo di cui si è dotata l'Unione Europea per combattere la sfida al cambiamento climatico. L'Europa ha assunto un impegno importante per sviluppare un'economia a bassa emissione di CO2 improntata all'efficienza energetica.
Gli ambiziosi obiettivi del Pacchetto sono comunemente noti come obiettivi 20-20-20:

  • 20% di riduzione delle emissioni di gas serra entro il 2020 rispetto ai livelli del 1990;

  • aumento del 20% della quota delle energie rinnovabili;

  • taglio del 20% dei consumi energetici.

Nell'ambito del programma europeo INTERREG IVC è nato il progetto EnercitEE (European networks, experience and recommendations helping cities and citizens to become Energy Effi cient) che mira a realizzare concretamente gli obiettivi UE.

EnercitEE si basa sulle esperienze e sulle reti messe in campo nel progetto precursore Enercy'Regio.
Il progetto saprà identificare, analizzare e trasferire buone pratiche, promuovere lo scambio di esperienze e realizzare delle piccole attività dimostrative per aumentare il livello di efficienza energetica degli enti locali e dei loro cittadini.
Per dare concretezza a questi impegni, il progetto EnercitEE ha dato vita a numerosi sottoprogetti che concentrano la propria attività in uno specifico ambito.

In questa logica è nato FIPREC – Financing Instruments, by Potential and Requirements of Energy saving Contracting in cui CISA ha avuto il ruolo di capofila.

Scopo e Obiettivi

Il continuo aumento dei prezzi dell'energia richiede l'adozione di misure che limitino alla radice il consumo energetico. Per ottenere questi risultati, è necessario sviluppare e diffondere strumenti finanziari innovativi rivolti alle pubbliche amministrazioni che permettano loro di adottare concrete misure di risparmio.

Un problema comune riguarda la bassa capacità di capitalizzazione di molti soggetti (pubblici e privati) legata alle dimensioni limitate di molti di loro che rende difficile l'ottenimento di finanziamenti tramite terzi.
Per le ESCO, l'offerta finanziaria degli istituti di credito è considerata insufficiente e inefficiente per operare finanziamenti per conto di terzi. D'altra parte, tutte le banche manifestano un crescente interesse per l'efficienza energetica e le fonti energetiche rinnovabili, mettendo in evidenza due questioni chiave per quanto riguarda le ESCO: capitalizzazione insufficiente e inadeguato business plan degli interventi proposti, spesso imprecisi nella valutazione dei rischi potenziali e degli investimenti.
FIPREC quindi si è occupato di un settore in cui sono presenti criticità e strumenti scarsamente efficienti per affrontare le sfide energetiche e che può essere aiutato con l'introduzione di metodi ad-hoc quali fondi di garanzia, partenariati pubblico-privato e un'adeguata formazione professionale.
Lo scopo di FIPREC è stato quindi quello di condividere le esperienze dei partner sugli strumenti finanziari e sui modelli di contratto esistenti utilizzati per realizzare interventi concreti, e di sviluppare altri modelli operativi.

L'obiettivo generale è quello di contribuire alla soluzione dei problemi sorti nelle partnership pubblico-privato e nei project financing, del settore energetico, in particolare laddove il rientro economico ha tempi troppo lunghi.
FIPREC ha sviluppato strumenti finanziari dedicati alla Pubblica Amministrazione per l'adozione di progetti di risparmio energetico sia sugli impianti produttivi che nell'edilizia, senza l'utilizzo di capitale proprio.

 

Materiali prodotti dal progetto

Flyer di presentazione del progetto

Conferenza di presentazione dello stato di progetto a marzo 2013

CISA – pubblicazione dei risultati di progetto

SAENA – pubblicazione dei risultati di progetto (DE)

 

FIPREC si è articolato in un partenariato istituito fra tre territori: italiano, tedesco e polacco.

CISA pertanto ha operato come capofila per conto della Regione Emilia-Romagna, mentre gli altri due soggetti coinvolti sono stati:

  • per la Germania, la regione della Sassonia che ha partecipato tramite la Saxon Energy Agency – SAENA GmbH;

  • per la Polonia, la regione della Bassa Slesia che ha partecipato tramite il District of Olawa

Saena

(2) Sassonia, Grermania
Saxon Energy Agency – SAENA GmbH
e-mail: uwe.kluge@saena.de

 3) Bassa Slesia, Polonia
 District of Olawa
 e-mail: ad-rekord@o2.pl