Gli USA possono arrivare al 69% di elettricita’ dal sole dice Scientific American

La possibilità di abbandonare il petrolio ed ottenere buona parte dell’energia elettrica dal sole c’è, quello che manca è la volontà politica. Lo sostiene la prestigiosa rivista americana Scientific American che ha elaborato una possibile strategia solare su vasta scala (Solar Grand Plan) per spiegare come sarebbe teoricamente possibile produrre il 69% dell’energia elettrica e il 35% del totale dell’energia utilizzata negli Stati Uniti entro il 2050 da fonte solare. L’energia che arriva dal Sole in 40 minuti, scrive la rivista, sarebbe sufficiente a coprire il consumo globale per un anno. Convertendo solo il 2,5% di quella che colpisce gli stati del Sud Ovest americano si coprirebbero i consumi statunitensi del 2006. Il piano prevederebbe la costruzione di grandi impianti a concentrazione solare e di una vasta area ricoperta di pannelli fotovoltaici nel Sud Ovest, per una potenza installata di circa 3mila GW al 2050, la cui energia in eccesso prodotta durante il giorno sarebbe accumulata sottoforma di aria compressa in caverne sotterranee, in modo da poter essere sfruttata anche nelle ore notturne. Allo stesso modo occorrerebbe poi rivoluzionare il sistema di distribuzione, costruendo una rete in corrente continua. L’obiettivo potrebbe essere raggiunto pagando un prezzo stimato in circa 420 miliardi di dollari di sussidi, tra il 2011 e il 2050. Una somma certamente non piccola ma, scrive la rivista, meno di quanto il contribuente spende per i sussidi all’agricoltura o di quanto ha speso negli ultimi 35 anni per finanziare la rete delle telecomunicazioni.

“Queste cifre sono scientificamente valide, ma rimarranno un buon auspicio se non ci sarà la volontà politica. – spiega Carlo Manna, responsabile del centro studi dell’Enea – Gli Usa sono stati i primi a investire nel solare già negli anni “80, ma poi la politica non ha più sostenuto questa strada e adesso gli americani sono indietro anche rispetto alla Cina, oltre che a Spagna e Germania che sono ai massimi livelli. Il potenziale è notevolissimo, ma senza investimenti questi rimangono scenari irrealizzabili, anche se la tecnologia adatta già c’è”.

(fonte: Ansa)

Solar Grand Plan

http://www.sciam.com/article.cfm?id=a-solar-grand-plan&page=1