In Algeria la prima centrale ibrida solare-gas

Il ministro algerino dell’Energia, Chakib Khalil, ha posato la prima pietra di una centrale “ibrida” che utilizza l’energia solare e il gas naturale per produrre 150 megawatt di energia elettrica nella zona dei giacimenti di Hassi R’mel, nel Sahara. L’impianto, che è il primo di quattro analoghi per complessivi 500 MW, combinerà 20 MW di solare termodinamico a concentrazione e 130 MW di ciclo combinato con turbina a gas.

“Si tratta del primo progetto su scala mondiale che combina una turbina a gas ed energia solare” – ha precisato il ministro ” “e nel lungo termine il solare è destinato a sostituire il gas”. La centrale si estenderà su una superficie di 152 ettari e utilizzerà specchi parabolici giganti su una superficie di 18 ettari con pannelli solari di 100 metri ciascuno per generare elettricità. Sarà operativa dal 2010 e – secondo il progetto – permetterà di esportare energia verso l’Europa. Il chief executive Tewfik Hasni ha detto che il progetto “Energia pulita dal deserto” punta a costruire una rete di 3mila chilometri che collegherà la città algerina di Adrar fino alla città tedesca di Aquisgrana. La rete passerà per la Sardegna, l’Italia, la Svizzera e poi la Germania.

(fonte: e-gazette)