Inaugurata la nuova centrale di cogenerazione Hera di Imola

È stata avviata a fine dicembre la nuova centrale di cogenerazione Hera di Imola. Il presidente Tomaso Tommasi di Vignano e il sindaco di Imola Daniele Manca hanno acceso le turbine a gas dell’impianto, che ha una potenza fino a 80 Megawatt di energia elettrica e altrettanti termici, dedicati al servizio di Teleriscaldamento. Il nuovo impianto, che porta il parco di generazione elettrica del Gruppo Hera a superare gli 800 MW, si aggiunge alla centrale di teleriscaldamento già esistente e diventerà il polo di produzione principale del calore, con l’obiettivo di raggiungere nei prossimi anni 5.000 nuovi utenti. Il progetto ha previsto un investimento da parte del Gruppo Hera di 72 milioni di euro a cui vanno ad aggiungersi ulteriori 32 milioni per l’estensione della rete di teleriscaldamento e consentirà il distacco dalla rete nazionale e il funzionamento isolato dell’impianto anche in caso di blackout, creando un “sistema” con connotati di unicità a livello nazionale. Secondo i critici, in primis il locale comitato Cittadini per la salute, il sistema sarebbe sovradimensionato rispetto alle reali esigenze della città e costituirebbe di fatto una centrale termoelettrica, inoltre non adotterebbe le migliori tecnologie disponibili per l’abbattimento delle emissioni.

 

(redazione AESS)

Il Gruppo Hera

http://www.gruppohera.it

Il “Comitato cittadini per la salute” di Imola

http://www.cittadiniperlasalute.org