Inaugurata mini-centrale sul fiume Panaro

E´ stata inaugurata lo scorso 18 ottobre la seconda centrale idroelettrica di Marano sul Panaro (Mo). Il manufatto sfrutta un salto di otto metri della briglia, può erogare in rete una potenza massima di 1 MW e produrre circa 3 milioni di kWh di energia elettrica all´anno, che saranno immessi in rete da una linea interrata. «Questo impianto inoltre» – ha spiegato Mauro Salici, sindaco di Marano – «non prevede intubamento delle acque, che sono prelevate all´altezza della briglia e immediatamente rilasciate a valle della stessa».
La centrale idroelettrica è stata realizzata dalla ditta K7 di Milano che è proprietaria dell´impianto, in convenzione con il Comune di Marano. «La convenzione prevede una partecipazione del Comune ai ricavi della vendita di energia» – ha continuato il sindaco – «l´installazione di una centralina a scopo didattico nel Palazzo Montecuccoli, la realizzazione di un “Percorso di energie rinnovabili” con visite guidate alle due centrali idroelettriche, all´impianto fotovoltaico comunale di Festà e al Museo delle Energie di Marano, dove sono conservati i vecchi macchinari che producevano l´energia elettrica già all´inizio del novecento».

(fonte: nuova Gazzetta di Modena)