Le aspettative deluse della cattura di CO2

I sostenitori della CCS, la cattura e il sequestro della CO2, da anni ci dicono che mettere in campo in maniera massiccia questa tecnologia è indispensabile per la lotta al global warming, dato che le rinnovabili saranno ancora per molto troppo costose per farsi carico da sole della riduzione delle emissioni necessarie.

A fine 2011 il fotovoltaico ha superato i 70 GW di potenza installata, svolge un ruolo ormai da protagonista in diversi mercati elettrici, ha dimezzato i costi in un anno sfiorando o raggiungendo la grid parity in alcune situazioni, mentre l'eolico conta oltre 238 GW installati e in diverse aree riesce già a competere economicamente con il carbone.

La CCS invece non sembra ancora in grado di uscire dalla"fase dimostrativa": nel mondo ci sono solo 8 progetti operativi e 8 in fase di costruzione e non sembra si stiano facendo progressi sulla questione costi e criticità di varia natura.

Continua a leggere su Qualenergia.it