Pubblicato il rapporto IEA sull’illuminazione: enormi i risparmi conseguibili

Secondo il primo rapporto tematico dell’Agenzia Internazionale per l’Energia (IEA), per i servizi di illuminazione si impiega a livello mondiale tanta elettricità quanta ne viene prodotta da tutti gli impianti a gas naturale del pianeta e il 15% in più di quella messa in rete da tutte le centrali idroelettriche e nucleari messe insieme. La spesa complessiva annuale, includendo energia, strumenti e costi impiantistici di manodopera, si aggira sui 360 miliardi di dollari, cioè circa l’1% del PIL mondiale, mentre le emissioni di CO2 equivalgono al 70% di quelle automobilistiche. La cosa che tuttavia appare più grave è che, in assenza di rapidi provvedimenti, nel 2030 il totale dell’energia impiegata per illuminazione ammonterà all’80% in più di quanto accade oggi. Secondo il rapporto IEA facendo semplicemente un uso migliore delle tecnologie già oggi disponibili ed economicamente competitive, non vi sarebbe bisogno di alcun incremento.

“Nell’attuale ambiente luminoso ci sono enormi sprechi. La luce è abitualmente fornita in zone nelle quali nessuno è presente. La sovra-illuminazione è frequente e ci sono grandi differenze nell’efficienza delle fonti luminose e nel modo in cui i sistemi sono progettati per portare la luce dove è necessaria. Il problema è globale ma adesso abbiamo i mezzi per affrontarlo” ha dichiarato Claude Mandil, direttore esecutivo della IEA.

Il rapporto evidenzia come le lampadine a incandescenza siano decisamente poco efficienti, perchè capaci di convertire in luce solo il 5% dell’energia consumata. Il maggior consumo deriva comunque dalle lampade alogene e fluorescenti, utilizzate negli edifici pubblici e commerciali con un’efficienza che varia tra il 15 e il 60% e che nel loro insieme rappresentano il 43% dell’energia consumata per l’illuminazione. Le meno efficienti in assoluto risultano le lampade alogene, che convertono la maggior parte dell’energia consumata in calore rendendo così necessario anche l’utilizzo di condizionatori nel periodo estivo.

(fonte: IEA)

Il rapporto IEA Light’s Labour’s Lost (in vendita, in inglese)

http://www.iea.org/w/bookshop/add.aspx?id=302