Altri contenuti

In questa sezione vengono pubblicati i dati relativi alla prevenzione della corruzione, all’accesso civico.

PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza

Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza (RPCT)

Ing. Piergabriele Andreoli (gandreoli@aess-modena.it)

Relazione del RPCT

Relazione 2017   (Scheda Relazione  .xlsx  .ods)

Relazione 2018 (Scheda Relazione .xlsx .ods)

Relazione 2019 (Scheda Relazione .xlsx .ods)

Relazione 2020 (Scheda Relazione .xlsx .ods)

Relazione 2021 (documento predisposto da piattaforma ANAC di acquisizione dei PTPCT)

Organismo di Vigilanza (ODV)

Avv. Massimiliano Mazzini (massimiliano.mazzini@mo.camcom.it)

Atti di accertamento delle violazioni

Non sono state accertate violazioni alle disposizioni di cui al d.lgs n. 39/2013.

WHISTLEBLOWING

La legge 190/2012 per la prevenzione della corruzione nelle pubbliche amministrazioni, con l’inserimento dell’art. 54 bis nel d.lgs. N. 165/2001 ha introdotto la disciplina per la tutela del dipendente che effettua segnalazioni di illeciti (whistleblower). Inoltre, l’Autorità Nazionale Anticorruzione, ha approvato le Linee Guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti. Anche il d.lgs. n. 231/2001 prevende analoghe misure con riferimento alla prevenzione dei reati contemplati nel predetto decreto legislativo.
Il whistleblower, termine anglosassone che significa “soffiare il fischietto”, è il dipendente che durante lo svolgimento delle proprie mansioni, sia venuto a conoscenza di presunti fatti illeciti e/o irregolarità avvenuti sul luogo di lavoro e decide di segnalarlo ad un’autorità che possa intervenire in tal senso. Il whistleblower, segnalando eventuali problemi o pericoli all’ente di appartenenza svolge un ruolo di interesse pubblico. Le informazioni rilevanti sono solo quelle che riguardano comportamenti, reati o irregolarità a danno dell’interesse pubblico.

Procedura di segnalazione all’Organismo di Vigilanza

E’ possibile effettuare la segnalazione cliccando qui oppure scaricando il Modulo di segnalazione.

ACCESSO CIVICO

Accesso civico semplice

Con lo strumento dell’accesso civico, disciplinato all’art. 5 del d.lgs. n. 33 del 2013, chiunque può vigilare, attraverso il sito web istituzionale di AESS, sia sul corretto adempimento formale degli obblighi di pubblicazione, sia sulle finalità e le modalità di utilizzo delle risorse pubbliche da parte dell’Ente.

In particolare sarà possibile segnalare l’omessa o la incompleta pubblicazione di tutti i dati e le informazioni che AESS è tenuto a pubblicare ed aggiornare nel rispetto del citato decreto legislativo. Le richieste di accesso civico semplice possono essere presentate al Responsabile della Prevenzione della Corruzione e Trasparenza (RPCT) di AESS, ing. Piergabriele Andreoli mediante posta elettronica non certificata all’indirizzo gandreoli@aess-modena.it.

In caso di ritardo o mancata risposta è possibile rivolgersi all’ufficio amministrativo, nella persona di Ilaria Fogagnolo mediante posta elettronica non certificata ifogagnolo@aess-modena.it.

Accesso civico generalizzato

L’accesso civico generalizzato non è sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente, per cui chiunque può esercitarlo anche indipendentemente dall’essere cittadino italiano o residente nel territorio dello Stato. Non è necessario fornire alcuna motivazione per presentare l’istanza di accesso civico.

In particolare sarà possibile accedere ai dati e ai documenti detenuti AESS – ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione obbligatoria sul sito istituzionale dell’Ente nella sezione Amministrazione Trasparente, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela di interessi giuridicamente rilevanti secondo quanto previsto dall’articolo 5 bis del d.lgs. n. 33/2013.

Le richieste di accesso civico generalizzato possono essere presentate mediante posta elettronica certificata aess@pec.aess-modena.it.

Registro degli accessi

Al 21/03/2022 non sono pervenute richieste di accesso civico.

MODELLO 231

AESS, quale Ente controllato, è soggetta alla disciplina di cui al d.lgs. n. 231/2001. Si è pertanto dotata di un Modello 231 e ha nominato un Organismo di Vigilanza (“OdV”).

MOG 231

NOMINA RASA

Il Responsabile dell’Anagrafe per la Stazione Appaltante (RASA) ha il compito di compilare e, successivamente, di provvedere alla verifica ed all’aggiornamento delle informazioni e dei dati identificativi della stazione appaltante stessa presenti nell’AUSA (CODICE IDENTIFICATIVO: 0000287761).
L’individuazione del RASA è intesa dal Piano Nazionale Anticorruzione 2016 come misura organizzativa di trasparenza in funzione di prevenzione della corruzione.

Si rende noto che il Responsabile dell’Anagrafe della Stazione Appaltante (RASA) per AESS è l’ing. Piergabriele Andreoli.

 

Aggiornamento pagina 29/04/2022