Un mare di energia per il Portogallo

Ha preso il via in Portogallo la prima applicazione commerciale di Pelamis, i serpentoni marini di tecnologia scozzese in grado di produrre elettricità dall´energia delle onde. Si tratta della fase preliminare del progetto di “Ondas de Potugal” il neonato consorzio formato dall´ente elettrico Energias de Portugal (Edp) in partnership con il gruppo di investimento australiano Babcock & Brown e l´impresa portoghese Efacec.
Il Pelamis è una struttura semisommersa articolata in sezioni cilindriche. Il movimento impresso dalle onde agisce su pistoni idraulici accoppiati a generatori in grado di trasformare l’energia meccanica in energia elettrica. Nella località di Aguçadoura due Pelamis si aggiungeranno presto a quello già ora in funzione, per un investimento complessivo di circa 9 milioni di euro. Ciascuno è lungo 140 metri, ha un diametro di 3,5 ed è in grado di sviluppare fino a 750kW di potenza, in relazione all’intensità delle onde. La seconda fase del progetto comprende ulteriori 25 macchine per una potenza complessiva di 18,75 MW e una produzione elettrica in grado di soddisfare il fabbisogno di 15mila abitazioni. Il progetto di Aguçadoura gode inoltre di uno specifico conto energia per il quale all´energia elettrica prodotta dai Pelamis viene riconosciuta una tariffa incentivante di circa 0.23 euro/kWh.

(fonte: Blogeko)

Come funziona il Pelamis (video)
http://www.youtube.com/watch?v=F0mzrbfzUpM&feature=related

Il Pelamis all´opera (video)
http://www.youtube.com/watch?v=u-9P2VflRWU&eurl=http://www.pelamiswave.com/galleryvideo.php?cat=6